Rappresentazione grafica di una CPU AMD Ryzen.

AMD ha apportato un cambiamento lieve, ma sostanziale, al modo in cui assegnerà il codice dei suoi prodotti mobile dal 2023 in poi. I nuovi codici saranno più informativi, e racchiuderanno molte informazioni utili per dirigere l’acquisto di un laptop dotato di CPU AMD Ryzen e AMD Athlon.

Scopri cosa significano tutte le cifre e le lettere che compongono i codici prodotto delle CPU di AMD.

Come leggere il codice dei processori AMD Ryzen e Athlon

I nomi commerciali non cambiano: ci saranno ancora i Ryzen 3, 5, 7 e 9, oltre che i processori Athlon. Quello che cambia è il codice alfanumerico che segue la denominazione commerciale. Esso sarà composto da 4 cifre seguite da una o più lettere.

Schema di nomenclatura dei processori AMD a partire dal 2023.
Dal codice di questo Ryzen 5 7640U capiamo che è un modello del 2023, di fascia medio-alta, adotta l’architettura Zen 4 e può consumare fino ad un massimo di 28W a pieno carico.
Portfolio YearAnno di debutto
7xxx2023
8xxx2024
9xxx2024
SegmentoNome commerciale
x1xxAthlon Silver
x2xxAthlon Gold
x3xxRyzen 3
x4xxRyzen 3
x5xxRyzen 5
x6xxRyzen 5
x7xxRyzen 7
x8xxRyzen 7 o 9
x9xxRyzen 9
ArchitetturaGenerazione
xx1xZen/Zen+
xx2xZen 2
xx3xZen 3/Zen 3+
xx4xZen 4
xx5xZen 5
Feature isolationCaratteristiche
xxx0Fascia più bassa
xxx5Fascia più alta
TDPConsumo package
HX55W per gaming ad alte prestazioni
HS35W per gaming e content creation
U15W~28W notebook standard
C15W~28W riservato per Chromebook
e9W varianti fanless di U e C
  1. Portfolio Year: l’anno in cui il chip è stato presentato. Purtroppo non coincide con l’anno del calendario, e infatti il 7 corrisponde all’anno 2023 (anno in cui è stata lanciata la settima generazione di CPU Ryzen).
  2. Segmento di mercato: indica la fascia in cui si posiziona il chip. Va da 1 a 9, e numeri più alti indicano CPU con prestazioni maggiori. Ai processori Athlon spettano 1 e 2, mentre le CPU Ryzen spaziano tra 3 e 9.
  3. Architettura: il cambiamento forse più utile. Permette di capire a colpo d’occhio l’effettiva generazione del chip. Perché è utile sapere l’architettura del processore? Perché AMD ha da sempre fatto coesistere architetture diverse all’interno della stessa lineup: la fascia alta riceve per prima le ultime novità, mentre le CPU più economiche continuano ad essere prodotte con l’architettura della precedente generazione.
  4. Feature isolation: la quarta cifra è un jolly. Può assumere i valori 0 o 5, e serve per distinguere le configurazioni di fascia alta. Non si parla solo di performance, ma anche di caratteristiche e funzionalità. Un esempio potrebbero essere i processori della serie Ryzen Pro, dotati di funzioni pensate per le grandi aziende, non presenti nei processori consumer.
  5. TDP: le lettere indicano il consumo massimo della piattaforma. Non si tratta di una vera novità, perché AMD utilizza questo schema da ormai molti anni.

E la GPU?

Con l’introduzione di uno schema così articolato, è curioso che AMD abbia scelto di non dare alcuna indicazione circa la GPU in dotazione. Quindi da un codice prodotto potremo estrapolare tutte le maggiori informazioni su generazione e architettura, ma nulla riguardo la GPU. Peccato.

Torna su